Al via bando 'Il futuro a portata di mano' di Bper Banca per finanziare 5 progetti educativi

·2-min read

E’ partita ufficialmente la quarta edizione di 'Il futuro a portata di mano', il bando di Bper Banca dedicato a progetti educativi, sociali, culturali e ambientali promossi da Enti del Terzo Settore e rivolti ai giovani dai 3 ai 25 anni. Lo annuncia una nota.

"Dopo il grande successo delle tre precedenti call for ideas - si legge - Bper Banca ha scelto di mantenere l’iniziativa a sostegno di progetti che vedono protagonisti i giovani, il vero motore del cambiamento per la costruzione di una società più equa e sostenibile. 'Il futuro a portata di mano' rappresenta una preziosa opportunità per tutte le realtà del Terzo Settore che hanno come target gli under 25, i quali, grazie a questa iniziativa, possono essere coinvolti attivamente in progetti concreti per promuovere il rispetto dell’ambiente, la cultura, l’inclusività e la solidarietà". C’è tempo fino alle ore 12 del prossimo 11 giugno per candidare la propria idea su 'Produzioni dal Basso', prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation, e accedere così all’opportunità di cofinanziamento da parte di Bper Banca: se i progetti riusciranno a raggiungere il goal del 25% del budget previsto grazie alla raccolta fondi, Bper contribuirà con il restante 75%.

Le candidature, ricorda la nota, saranno vagliate da un’apposita commissione interna all’Istituto, che le valuterà in base a criteri come l’originalità, ma anche l’attinenza ai temi promossi dal bando, la sostenibilità economica, eventuali precedenti esperienze di crowdfunding, la valutazione dell’impatto sociale e la capacità di fare networking con le altre realtà del territorio. Con la call di crowdfunding 'Il futuro a portata di mano', Bper Banca "intende promuovere una modalità innovativa e concreta di ricerca di progettualità per sostenere il territorio e andare incontro ai bisogni dei più giovani. Da questa edizione si darà grande rilevanza anche all’indicazione degli obiettivi dell’Agenda 2030", conclude la nota.